Tinteggiatura della facciata esterna

Tutto ciò che devi sapere se devi tinteggiare la facciata esterna di casa o tinteggiare la facciata esterna del condominio con abbinamento colori

Lo studio tecnico del geometra Camilletti Giosef di Castelfidardo nelle province di Ancona e Macerata,mette a disposizione le proprie competenze professionali per l’eventuale presentazione della pratica edilizia al comune competente, necessaria per la realizzazione delle opere di tinteggiatura delle facciate esterne di casa, tinteggiatura delle facciate esterne condominiali,tinteggiatura delle facciate esterne di un capannone industriale.

Tinteggiatura delle facciate esterne non solo come compito decorativo

Un’opera edile ben realizzata non può prescindere da una tinteggiatura per esterni fatta nel modo giusto:  potremmo dire semplificando che il colore di una casa, condominio o capannone, ne determina parecchio la bellezza e lo stile.

Ma la tinteggiatura dell’esterno è molto di più che la semplice scelta del colore prediletto, è parte fondamentale del buon risultato nella creazione o nella ristrutturazione di ogni edificio non solo per il suo compito decorativo, ma anche per la funzione di robustezza e di scudo allo sporco e all’azione del tempo e degli agenti atmosferici.

Proprietà quali resistenza alla permeabilità, la traspirabilità determinano sia all’interno che all’esterno delle abitazioni un diverso grado di confortezza.

Le marche più note e blasonate per produzione di tinteggiature e colorazioni sono: Sikkens,CAP Arreghini,Herbol, Mapei etc. Questi famosi marchi danno una vera e propria garanzia della tinteggiatura esterna.

Qual’è il periodo migliore per tinteggiare l’esterno casa o del condominio?

Il periodo migliore per pitturare le facciate di casa o del condominio è sicuramente in primavera o subito dopo l’estate. Infatti con il periodo invernale si rischiano mesi di pioggia e climi troppo freddi. L’estate risulta invece troppo calda. Spesso per eseguire queste opere nei periodi estivi ci si sveglia molto presto alla mattina cercando di avere una temperatura più gradevole.

Tipi di tinteggiatura della facciata – tipi di pittura esterna casa

  • Rivestimento al plastico continuo:

    Sono a base di leganti acrilici pigmentati a “buccia d’arancia” o “gocciolato fine” con pigmenti caricati con sabbia quarzifera sia fine che media. Oppure a base di leganti acrilici pigmentati del tipo rasato, graffiato o spatolato liscio pigmentato. Sono adatte per l’esterno degli edifici (non traspiranti)

  • Pitture silossaniche – pittura per esterni silossanica

    Con alto grado di prestazioni, fra cui quella di non sfaldarsi provocando i distacchi dal supporto. Sono realizzate tramite miscele di derivati acrilici e resine siliconiche, che conferiscono  a  queste  pitture una ottima idrorepellenza, una elevata traspirabilità e resistenza all’abrasione: per tale motivo sono ideali e durature per gli interni;

  • Pitture epossidiche e poliuretaniche:

    Le vernici epossidiche sono bicomponenti ad essiccazione chimica tramite un induritore adatto hanno una notevole resitenza all’abrasione. Per rimuoverle è necessario l’uso della sabbiatura o della carta abrasiva. Buon potere aggrappante e possono essere verniciate sopra nuovamente;

  • Pitture a base di silicati di potassio:

    Il silicato di potassio, contenuto in queste pitture,  con i vari componenti dell’intonaco (la calce, etc.) reagisce dando origine ad un composto naturale non solubile e compatto. Lo si consiglia per la tinteggiatura di edifici storici e di nuove costruzioni con nuovi intonaci, resistono al tempo , hanno traspirabilità e permeabilità al vapor acqueo, pur essendo impermeabili;

  • Idropitture:

    Sono coprenti, di facile impiego e resistenti nel tempo, consigliate sia per pareti  interne che per esterne. Per l’interno è più congruo usare quelle all’antimuffa. Le Idropitture possono essere: idrorepellenti (impermeabili all’acqua e sono quindi buone per l’esterno) lavabili (per gli interni, possono essere lavate senza perdere le caratteristiche del colore preesistente), traspiranti idrorepellenti (per la loro conformazione lasciano agli ambienti un alto grado di traspirabilità, per cui non favoriscono il formarsi della condensa e sono molto adatte ad essere usate per bagni e cucine), viniliche (resine viniliche, pigmentate per interni, lavabili e non) igienizzanti (resine acriliche e che hanno una alto grado di potere igienizzante e di antimuffa, adatte per ambienti interni , oltre che residenziali, scolastici etc), termoisolanti  (elevato grado di coibenza termica, dovuta alla loro composizione a base di microsfere di vetro);

  • Tinteggiature a tempera:

    A base vinilica o acrilica, usate preferibilmente per l’imbiancatura di soffitti e pareti, di facile impiego,  resisteti abbastanza al lavaggio, permettono una discreta traspirazione della superficie cui sono applicate;

  • Tinteggiature a calce – pittura a calce:

    Le più antiche e conosciute, una tinteggiatura esterna traspirante costituite da grassello di calce stagionato, minerali selezionati, terre naturali, pigmenti inorganici e additivi di qualità. Dette pitture sono particolarmente adatte per la pitturazione di esterni, specie nei centri storici e in quegli ambienti nei quali non vogliamo modificare la naturale traspirabilità della muratura;

  • Tinteggiature al quarzo – pittura al quarzo

La pittura al quarzo è molto resistente alle aggressioni dell’ambiente esterno, è una vernice traspirante e lavabile ceh la rende ideale per pitturare casa in esterno, per la ristrutturazione delle facciate delle abitazioni. Queste idropitture al quarzo sono validissime anche in interno.

Si eseguono anche lavori di tinteggiatura esterna su cappotto termico.

Quale autorizzazione o permesso ci vuole per tinteggiare la facciata esterna? 

tinteggiatura esterna attività edilizia libera

Per la realizazzione di opere di tinteggiatura della facciata esterna della propria abitazione o tinteggiatura della facciata del condominio, nuova o con colore diverso dal precedente, fatto salvo diverse disposizione,normative comunali, certe tipologie di opere possono ricadere nell’attività edilizia libera come manutenzione ordinaria

tinteggiatura esterna cila

Per altre tipologie di intervento può ricadere come manutenzione straordinaria e per realizzare tali opere occorre presentare la domanda Cila (Comunicazione inizio lavori asseverata).

Alcune parti del territorio potrebbe essere soggetto a Vincoli paesaggistici e architettonici. Dunque, prima di iniziare i lavori di tinteggiatura è bene informarsi dell’esistenza di essi. Nei centri storici spesso è presente un “piano colore”, ovvero una normativa specifica che disciplina l’argomento tinteggiatura e colorazione possibile da realizzare.

tinteggiature esterne facciate condominiali

Gli interventi di tinteggiatura potrebbero dar fastidio alla quiete condominiale. Pertanto, è necessaria l’autorizzazione dell’assemblea condominiale prima di tinteggiare le pareti esterne della propria abitazione.

Tinteggiatura esterna e sicurezza cantieri

Se per l’esecuzione delle opere sono previste più di un impresa esecutrice, anche non contemporaneamente, occorrerà la notifica preliminare (Art. 99 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i.) e comunicarla agli organi territorialmente competenti (ASUR e Direzione provinciale del lavoro). Inoltre bisognerà nominare il Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione delle opere che a sua volta predisporrà il PSC Piano di sicurezza e coordinamento.

Tinteggiatura facciata esterna detrazione 

Detrazione fiscale tinteggiatura facciata esterna del 90% con il bonus facciate incentivi anno 2020

Dall’inizio dell’anno 2020,con l’introduzione del bonus facciate (nuova detrazione fiscale per l’anno 2020) è possibile avere un importante incentivo la detrazione fiscale per la tinteggiatura facciata esterna di casa o condominiali  del 90% solo con certi requisiti e zone. Si consiglia di contattarci per qualsiasi chiarimento.

In particolare, la detrazione fiscale spetta per gli interventi:

  •  di sola pulitura o tinteggiatura esterna sulle strutture opache della facciata (cambio colore facciata e detrazione colore esterno casa);
  • su balconi, ornamenti o fregi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura;
  • sulle strutture opache della facciata influenti dal punto di vista termico (vedi anche Isolamento termico a cappotto esterno) che interessino oltre il 10% dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio.

L’agevolazione riguarda, in pratica, tutti i lavori effettuati sull’involucro esterno visibile dell’edificio, cioè sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell’edificio, sia sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno)

La tinteggiatura esterna e reverse charge è disponile come fatturazione alle altre ditte.

Iva agevolata per interventi di manutenzione straordinaria tinteggiatura esterna delle facciate

Per le prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero edilizio, di manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria, realizzati sugli immobili a prevalente destinazione abitativa privata, si applica l’aliquota Iva agevolata del 10%.

Tale aliquota si può applicare alla prestazione di servizi, cioè ai lavori eseguiti dall’impresa e all’acquisto dei materiali, se effettuato dall’impresa stessa. Se invece l’acquisto dei materiali viene fatto direttamente dal committente, l’aliquota Iva è quella ordinaria.

Costo tinteggiatura facciata esterna: quali sono i prezzi medi al metro quadro?

Generalmente la tinteggiatura esterna con pitture tradizionali varia da 12,00 € a 33,00 € al mq. La Tinteggiatura esterna con pitture complesse: da 15,00 € a 38,00 € al mq. Il Nulla osta per eseguire la tinteggiatura esterna: da 38,00 € a 230,00 €.

Oltre al costo manodopera per la tinteggiatura esterna è da aggiungere poi eventuali costi di montaggio e smontaggio di impalcatura – ponteggio metallico fisso, costi burocratici per la presentazione di un eventuale pratica edilizia e direzione lavori,nonchè verifica e garanzia della sicurezza in cantiere.

La nostra impresa edile

Lo studio tecnico si avvale di un impresa d’eccellenza per l’esecuzione dei lavori edili. Un impresa forte, qualificata ed affermata dal 1979. La ditta è specializzata nella collaborazione  dei lavori di tinteggiatura esterna villa, tinteggiatura esterna villetta casa o di condomini.

Potrebbe anche interessarti leggere il seguente articolo:

Devi realizzare opere di tinteggiatura della facciata esterna di casa? Devi realizzare lavori di tinteggiatura della facciata esterna del condominio? Contattaci subito per un preventivo se devi pitturare la facciata esterna di casa o del condominio e ti occorre anche la pratica edilizia. Siamo specializzati nel servire una formula chiavi in mano.

(Le notizie ed i dati forniti nell’articolo derivano da personali studi ed interpretazioni dello scrivente e non equivalgono a consulenze tecniche applicabili in via generale ad ogni casistica inerente il tema, da valutarsi in maniera professionale e mirata)

Elenco delle città per avere informazioni sulla tinteggiatura delle facciate 

Ancona nei seguenti Comuni: Agugliano, Ancona, Arcevia, Barbara, Belvedere Ostrense, Camerano, Camerata Picena, Castel Colonna, Castelbellino, Castelfidardo, Castelleone di Suasa, Castelplanio, Cerreto d’Esi, Chiaravalle, Corinaldo, Cupramontana, Fabriano, Falconara Marittima, Filottrano, Genga, Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Mergo, Monsano, Monte Roberto, Monte San Vito, Montecarotto, Montemarciano, Monterado, Morro d’Alba, Numana, Offagna, Osimo, Ostra, Ostra Vetere, Poggio San Marcello, Polverigi, Ripe, Rosora, San Marcello, San Paolo di Jesi, Santa Maria Nuova, Sassoferrato, Senigallia, Serra San Quirico, Serra de’ Conti, Sirolo,Staffolo.

Macerata nei seguenti Comuni: Acquacanina, Apiro, Appignano, Belforte del Chienti, Bolognola, Caldarola, Camerino, Camporotondo di Fiastrone, Castelraimondo, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Cingoli, Civitanova Marche, Colmurano, Corridonia, Esanatoglia, Fiastra, Fiordimonte, Fiuminata, Gagliole, Gualdo, Loro Piceno, Macerata, Matelica, Mogliano, Montecassiano, Montecavallo, Montecosaro, Montefano, Montelupone, Monte S.Giusto, Monte S.Martino, Morrovalle, Muccia, Penna S.Giovanni, Petriolo, Pievebovigliana, PieveTorina, Pioraco, Poggio S.Vicino, Pollenza, Porto Recanati, PotenzaPicena, Recanati, Ripe S.Ginesio, S.Ginesio, S.Severino, Sant’Angelo in Pontano, Sarnano, Sefro, Serrapetrona, Serravalle di Chienti, Tolentino, Treia, Urbisaglia, Ussita, Visso.

Fermo nei seguenti Comuni: Altidona, Amandola, Campofilone, Falerone, Fermo, Francavilla d’Ete, Grottazzolina, Lapedona, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Monsampietro Morico, Montappone, Monte Giberto, Monte Rinaldo, Monte San Pietrangeli, Monte Urano, Monte Vidon Combatte, Monte Vidon Corrado, Montefalcone Appennino, Montefortino, Montegiorgio, Montegranaro, Monteleone di Fermo, Montelparo, Monterubbiano, Montottone, Moresco, Ortezzano, Pedaso, Petritoli, Ponzano di Fermo, Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio, Rapagnano, Sant’Elpidio a Mare, Santa Vittoria in Matenano, Servigliano, Smerillo, Torre San Patrizio.

Ascoli Piceno nei seguenti Comuni: Acquasanta Terme, Acquaviva Picena, Appignano del Tronto, Arquarta del Tronto, Ascoli Piceno, Carassai, Castel di Lama, Castignano, Castorano, Colli del Tronto, Comunanza, Cossignano, Cupramarittima, Folignano, Force, Grottammare, Maltignano, Massignano, Monsampolo del Tronto, Montalto Marche, Montedinove, Montefiore dell’Aso, Montegallo, Montemonaco, Monteprandone, Offida, Palmiano, Ripatransone, Roccafluvione, Rotella, San Benedetto del Tronto, Spinetoli,Venarotta