Home - Blog - 2017/2018 demolizione e ricostruzione - Piano Casa Regione Marche 2017/2018: Demolizione e ricostruzione degli edifici residenziali

Piano Casa Regione Marche 2017/2018: Demolizione e ricostruzione degli edifici residenziali

Piano Casa Regione Marche 2017/2018: Demolizione e ricostruzione degli edifici residenziali

Dalla progettazione alla realizzazione

Lo Studio Tecnico del Geometra Camilletti Giosef di Castelfidardo (AN) si occupa a 360° dal progetto alla realizzazione del Piano Casa Regione Marche 2017/2018: Demolizione e ricostruzione degli edifici residenziali in prov. di Ancona e Macerata.

Percentuale di ampliamento volumetrico per la demolizione e ricostruzione degli edifici residenziali

Per il Piano Casa Regione Marche 2017/2018: Demolizione e ricostruzione degli edifici residenziali la Legge Regionale consente, in deroga a regolamenti comunali e strumenti urbanistici in vigore,interventi di demolizione e ricostruzione con ampliamento volumetrico fino al 35% per gli edificiche necessitano di essere rinnovati e adeguati sotto il profilo della qualità architettonica o della sicurezza antisismica.

Ampliamento della volumentria per adeguamenti sismici

È riconosciuto un ulteriore ampliamento, fino al 15% della volumetria, nel caso in cui l’intervento da realizzare preveda anche un adeguamento sismico della struttura portante dell’intero edificio esistente.

Incrementi volumetrici ed incentivi economici

Gli incrementi volumetrici e gli incentivi economici sono alternativi e non cumulabili con quelli previsti da altre normative. Inoltre, se un edificio è stato ricostruito a seguito di una demolizione,non può usufruire anche dell’ampliamento sulla volumetria esistente.

Gli interventi sono subordinati alla realizzazione o all’adeguamento di opere di urbanizzazione primaria.

Demolizione e ricostruzione degli edifici residenziali

Gli interventi di sostituzione edilizia attraverso la demolizione e ricostruzione devono prevedere il mantenimento della destinazione d’uso in atto. Il cambiamento è possibile solo nel rispetto degli strumenti e degli standard urbanistici previsti dal DM 1444/1968, che fissa il rapporto tra gli spazi destinati agli insediamenti residenziali e quelli riservati ad attività pubbliche, collettive, verdepubblico e parcheggi.

Nel caso in cui non si possa reperire la quantità minima di aree da destinare ai suddetti standard, i soggetti interessati si obbligano, mediante una convenzione o un atto d’obbligo unilaterale, a corrispondere al Comune una somma pari al valore di mercato di aree con caratteristiche simili a quelle che avrebbero dovuto cedere e comunque non inferiore ai relativi oneri di urbanizzazione.

La legge regionale prescrive l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e il miglioramento della sostenibilità energetico – ambientale degli edifici stessi attraverso il raggiungimento degli scaglioni di punteggio stabiliti dalla Giunta regionale in base alla versione sintetica del protocollo ITACA Marche.

Demolizione e ricostruzione parziale

In caso di demolizione e ricostruzione parziale è obbligatorio migliorare la sicurezza antisismica ai sensi del DM del 14 gennaio 2008, Norme Tecniche per le Costruzioni. La demolizione e ricostruzione totale richiede invece l’adeguamento sismico.

La sostituzione edilizia si applica anche nei condomini, edifici costituiti da più unità immobiliari appartenenti a diversi proprietari nel rispetto delle norme che li disciplinano.

Gli interventi di demolizione e successiva ricostruzione possono derogare anche alla normativa statale, regionale e ai regolamenti edilizi in merito alle distanze minime tra edifici e alla protezione del nastro stradale, nonché alle altezze massime degli edifici.

La realizzazione dei lavori deve rispettare le disposizioni sull’edilizia sostenibile contenute nella Legge Regionale 14/2008.

Contributo di costruzione

Il contributo di costruzione, se dovuto, è pari all’80% per la parte eseguita in ampliamento e al 20% per quella ricostruita. Al contrario, non viene corrisposto se gli interventi di demolizione e ricostruzione comportano il superamento delle barriere architettoniche.

Gli immobili oggetto di intervento possono essere sottoposti a controlli dalla Giunta Regionale, che elabora insieme ai Comuni un piano di ispezioni semestrali a campione.

L’accertamento di irregolarità dà luogo a una sanzione pari al doppio dell’aumento del valore venale dell’immobile conseguente alla realizzazione dei maggiori volumi nonché l’annullamento delle riduzioni del contributo di costruzione.

Devi realizzare opere di demolizione e ricostruzione per gli edifici residenziali sfruttando il Piano Casa Regione Marche 2017/2018 in prov. di Ancona e Macerata?

Contattami
2018-11-28T18:34:22+02:00Marzo 12th, 2017|Piano Casa Marche|0 Comments

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.