Recinzione metallica: realizzazione e riparazione2018-11-28T18:33:22+00:00

Realizzazione e riparazione di recinzione metallica

Lo studio tecnico del geometra Camilletti Giosef di Castelfidardo nelle province di Ancona e Macerata,mette a disposizione le proprie competenze professionali per la presentazione della domanda al comune competente, necessaria per la realizzazione e/o riparazione della recinzione metallica e/o a maglia metallica di confine.

Studio del terreno

Innanzitutto è bene individuare con precisione i confini dello spazio da recintare. Infatti su delle vecchie abitazioni e/o terreni in confini potrebbero essere differenti. Prima di mettere la rete di recinzione a confine, occorrerà quindi prendere visione dei vecchi frazionamenti per verificare se effettivamente la recinzione di confine deve essere posizionata lungo quel perimetro. Inoltre bisognerà individuare i percorsi compiuti dalle tubature e dai cavi installati nel terreno, così da evitare di danneggiarli in fase di installazione. Si analizza anche la morfologia del terreno dove si effettuerà la posa in opera. Fattori come pendenza e composizione del terreno in effetti influenzano la scelta della tipologia di recinzione. Per la recinzione metallica in maglia plastificata e sottostante posa dei cordoli, si consiglia sempre di scavare e utilizzare una piccola  fondazione di cemento armata con ferri longitudinali, larga circa tre volte la larghezza dei cordoli e come altezza della fondazione di circa il doppio dell’altezza dei cordoli.

Pianificazione del lavoro

A questo punto si può tracciare con precisione il perimetro dell’area da recintare, utilizzando un filo da muratore come linea guida. In seguito sarà bene misurare la lunghezza complessiva del perimetro definito, così da stabilire i metri di rete (o in alternativa la quantità di pannelli) e il numero di pali e tiranti necessari. Prima di iniziare la fase di installazione, bisognerà assicurarsi inoltre del corretto allineamento delle tracce create e segnate della posizione esatta dei pali, delle saette e dei cancelli utilizzando dei picchetti o segnalandoli con il gesso e/o  bomboletta spray.  Proprio in questa fase, è opportuno stabilire la tipologia di pali e tiranti che serviranno: terminali (con una sola saetta di rinforzo); intermedi (privi di saette di rinforzo); d’angolo (con due saette a novanta gradi); di rinforzo (con due saette).

Questa differenzazione vale per le reti a maglia sciolta e per quelle elettrosaldate, ma non per i pannelli modulari, che vengono installati con pali privi di saette. La distanza ideale tra un palo e l’altro varia  in relazione alla tipologia di reti impiegate (a maglia sciolta o elettrosaldata). Nel caso della rete a maglia semplice la distanza ideale tra un palo e l’altro corrisponde a due metri e mezzo, mentre per quella elettrosaldata può variare tra i due metri e i due metri e mezzo. Infine, se avete optato per una recinzione in pannelli considerate che la lunghezza stessa di questi ultimi funzionerà da guida nella posa dei pali.

Si può passare alla fase di installazione dei pali subito dopo aver suddiviso il perimetro e aver scoperto il numero di paletti utili e subito dopo aver realizzato il getto di fondazione in modo da tenere i pali affogati nel cemento.

Quindi qual’è la corretta installazione della rete metallica?

Considerate che esistono diverse metodologie per effettuare la posa in opere della recinzione metallica. Noi descriviamo quella a maglia sciolta con sottostante cordolatura.

Per prima cosa è necessario tracciare la linea con dei fili lungo il perimetro nella quale si vuole installare la recinzione metallica. Successivamente sarà necessario scavare una buca lungo tutto il perimetro dove si vorrà posizionare la rete (per quanto riguarda le dimensioni attestavi intorno ai 30 cm di base e 30-40 cm di altezza), a seconda dell’altezza del palo. Una volta suddiviso il perimetro per il numero di pali e saette occorrenti  si potrà gettare lo scavo ed inserire il ferro d’armatura. Il tutto fungerà da cordolo di fondazione di collegamento. Alla fine del getto,prima che il cordolo di cemento armato ritiri, si potranno affogare i paletti a distanza l’uno dall’altro opportunatamente valutata in precedenza. Occorrerà verificare inoltre che l’altezza di tutti i pali siano la stessa ed inoltre occorrerà verificare con una livella che i pali siano ben dritti. Per verificare l’allineamento dell’altezza e della proseguzione si potranno usare dei fili. A quel punto bisognerà bloccare i paletti con morsetti e spezzoni di ferro provvisori.  Bisognerà aspettare almeno un giorno in modo tale che il cemento sia ben asciutto e che i paletti siano ben saldi per poter montare la rete. Si procederà in primis ad inserire lungo il perimetro della recinzione i tre fili nei buchi di ogni paletto. I fili (uno superiore, uno al centro e uno alla base) opportunamenti tirati saranno la base per fissare poi la maglia metallica. Una volta posizionati i tre fili si procederà alla stesura della maglia metallica. Con un apposito macchinario la rete verrà opportunemente tirata. A quel punto la rete verrà legata lungo il perimetro dei tre fili e avrà un aspetto rigido e perfetto.

Quale domanda presentare?

Per gli interventi di manutenzione ordinaria della recinzione metallica (riparazione di piccole fessure, sostituzione della stessa senza modificarne le caratteristiche) non serve alcuna comunicazione.

Se invece l’intervento ricade come opere di manutenzione straordinaria (rifacimento della recinzione con modifica del percorso, modifica delle carattestiche esistenti) allora sarà necessario presentare una  Cila (comunicazione di inizio attività).

La nostra impresa edile

Lo studio tecnico si avvale di un impresa d’eccellenza per l’esecuzione dei lavori edili. Un impresa forte, qualificata ed affermata dal 1979.

Hai intenzione di realizzare un muro di cinta e/o muro di contenimento e/o sostegno?

Contattami

OPPURE

HOMEPAGE
ELENCO DEI SERVIZI
INTERVENTI EDILIZI
BLOG

numero geometra camilletti giosef

APPROFITTA DELLE DETRAZIONI FISCALI DEL 50% E 65%

detrazione fiscale del 50% e 65%

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

LINK UTILI:

CITTÀ DOVE LAVORIAMO:

Provincia di Ancona nei seguenti Comuni: Agugliano, Ancona, Camerano, Camerata Picena, Castelfidardo, Chiaravalle, Falconara Marittima, Filottrano, Jesi, Loreto, Montemarciano, Numana, Offagna, Osimo, Polverigi, Santa Maria Nuova, Senigallia, Sirolo.

Provincia di Macerata nei seguenti Comuni: Cingoli, Civitanova Marche, Corridonia, Macerata, Montecassiano, Montecosaro, Montefano, Montelupone, Monte S.Giusto, Morrovalle, Porto Recanati, Potenza Picena, Recanati.

Provincia di Fermo nei seguenti Comuni: Fermo,  Monte Urano, Montegranaro, Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.