Deumidificazione delle murature dall’umidità2018-11-28T18:33:18+00:00

Deumidificazione delle murature dall’umidità

Lo studio tecnico del geometra Camilletti Giosef di Castelfidardo nelle province di Ancona e Macerata,mette a disposizione le proprie competenze professionali per la presentazione della domanda al comune competente, necessaria per la realizzazione delle opere di deumidificazione delle murature dall’umidità che spesso affligge la nostra casa,abitazione,garage,negozio,ufficio etc.

L’umidità, secondo una recente statistica, intacca le strutture in due edifici antichi su tre. La crisi economica, gli alti costi nelle nuove costruzioni e i recenti orientamenti sulla salvaguardia dei nuclei urbani, rendono sempre più necessari gli interventi conservativi sui vecchi edifici e sempre più attuali gli studi delle tecniche appropriate.
L’umidità di un muro può avere due sole origini:dall’aria, come umidità di condensazione,e dal terreno, come umidità ascendente.

Umidità meteorica

Dovuta all’acqua piovana che bagna le superficie della nostra casa,abitazione,garage,negozio,ufficio etc che poi asciuga per evaporazione:

  • Preferenze: Una o due facciate di tutti i piani. Muri di mattoni di seppessore inferiore a tre teste o muri di pietrame non squadrato di spessore superiore di 60 cm.
  • Contenuto % d’acqua: Elevato tanto nelle pareti esterne che nelle interne, con nucleo murario intermedio asciutto. Differente da un punto all’altro.
  • Aspetto: Accettuato dopo la pioggia. Macchie accentuate irregolari con velatura leggera della parete interna. Distacchi dell’intonaco superficiale.
  • Danni: Maggior consumo di combustibili per il riscaldamento invernale, disgregazione di intonaci e malte, distacchi e frantumazioni superficiali dovuti a gelo o alla pressione di sali cristallizzati.
  • Interventi: Occorrono prodotti idropellenti e traspiranti per non far entrare l’acqua e far uscire il vapore.

Umidità da condensa

Avviene quando l’umidità dell’aria subisce un abbassamento di temperatura o viene a contatto con una superficie fredda, si trasforma in acqua sotto forma di goccioline:

  • Preferenze: Ultimi piani d’inverno. Piani seminterrati d’estate. Muri di pietrame pesante. Muri perimetrali di scarso spessore.
  • Contenuto % d’acqua: Costante per tutta l’altezza della parete. Decrescente dall’interno all’esterno delle spessore del muro.
  • Aspetto: Erosione leggera dell’intonaco in basso presso lo zoccolo. Velatura uniforme e leggera su tutta la parete interna. Manifestazione intermittente.
  • Danni: Costituzione di ambienti malsani, fuoriuscita di sali (efflorescenze), formazione di muffa.
  • Interventi: Occorre un isolamento tecnico in modo che la parete non sia più fredda. Eventuali contromuri per superfici verticali.

Umidità ascendente

L’acqua presente nel terreno risale per capillarità nella muratura:

  • Preferenze: Piani bassi o interrati. Muri ricostruiti con materiale di demolizione o di peso specifico diverso. Muri di mattoni leggero o tufo. Muri di grosso spessore. Muri di pietrame pesante.
  • Contenuto % d’acqua: Decrescente con distanza dal terreno. Costante in una sezione orizzontale per tutto lo spessore del muro.
  • Aspetto: Manifestazioni costanti. Macchie persistenti scure dilaganti dal pavimento verso l’alto. Erosione dell’intonaco in alto presso la linea di contatto con l’asciutto.
  • Danni: Risalita dell’acqua fino ad un’altezza superiore ai 2-3 metri, può raggiungere il 30% del volume totale della muratura ed aumentare considerevolmente il peso.
  • Interventi: Occorre risanare con intonaci altamente traspiranti e dotati di elevata permeabilità al vapore che oltre a proteggere il muro facciano fuoriuscire velocemente l’umidità presente. Eventuali contromuri per superfici verticali e vespai per i pavimenti. Provvedimenti di elettrosmosi o sifoni prismatici di Knapen, taglio del muro, Barriera chimica, trattamento Peter Cox.

Umidità da infiltrazione

L’acqua attraverso tutto lo spessore della muratura e penetra all’interno del fabbricato:

  • Preferenze: Qualunque piano, più spesso quelli inferiori. Muri di mattoni leggero o di tufo.
  • Contenuto % d’acqua: Diverso da un punto all’altro. Elevato nelle zone macchiate e leggero nel resto della parete.
  • Aspetto: Manifestazioni intermittenti. Macchie separate di intensità variabile. Erosione dell’intonaco in alto presso la linea di contatto con l’asciutto anche nelle pareti interne.
  • Danni: Costituzione di ambienti malsani, fuoriuscita di sali (efflorescenze), formazione di muffa.
  • Interventi: occorre impermeabilizzare impedendo così il passaggio dell’acqua. Eventuali contromuri per superfici verticali, provvedimenti di elettrosmosi o sifoni prismatici di Knapen, taglio del muro,Barriera chimica, trattamento Peter Cox.

Provvedimenti particolari

  • Taglio del muro (metodo Massari): viene realizzato con una carotatrice elettrica e si ottengono aperture regolari e continue operando una prima serie di fori intervallati e poi una seconda negli spazi lasciati dalla prima. Viene inserito poi nei ritagli un impasto di resine poliestere, polvere di marmo e sabbia che rende impermeabile il muro. I tagli sono realizzati con macchine tagliamuro.
  • Barriera chimica: si ottiene inserendo all’interno del muro emulsionati di resine a pressione di due o tre metri di colonna di acqua o al enta diffusione. Si operano nelle muratura fori di qualche centimetro di diametro a sistanza di 15-20 cm l’uno dall’altro e si diffonde la resina che si deposita sulle pareti dei capillari, rendendoli per sempre idropellenti.
  1. Si praticano fori del diametro di 27 mm e interasse di 15 cm a circa 20 cm dal pavimento per una profondità che interessa la quasi totalità dello spessore del muro.
  2. Vengono installati i trasfusori nei fori con liquido a base di siliconati che, con processo a lenta diffusione invade la muratura e polimerizza.
    Se esistono dislivelli tra i pavimenti il trattamento viene effettuato sopra la quota più alta e si tratta con intonaco impermeabile la parte di muro al di sotto della barriera. Se i muri da trattare sono a contatto con altri non trattati si esegue la barriera anche verticalmente.

Quale domanda presentare?

Le opere per la realizazzione di opere di deumidificazione delle murature, ricadono come risanamento conservativo e per realizzare tali opere occorre presentare la domanda Cila (Comunicazione inizio lavori asseverata).

Detrazione fiscale per opere di risanamento conservativo

E’ possibile richiedere la detrazione fiscale anche per i lavori di risanamento conservativo. Infatti come riportato sull’Agenzia delle Entrate i lavori sulle unità immobiliari residenziali e sugli edifici residenziali per i quali spetta l’agevolazione fiscale sono:

Quelli elencati alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001 (Testo unico dell’edilizia). La detrazione fiscale riguarda le spese sostenute per interventi di manutenzione straordinaria, per le opere di restauro e risanamento conservativo e per i lavori di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze, etc……

La nostra impresa edile

Lo studio tecnico si avvale di un impresa d’eccellenza per l’esecuzione dei lavori edili. Un impresa forte, qualificata ed affermata dal 1979.

Vuoi eliminare per sempre l’umidità dalle murature?

Contattami

OPPURE

HOMEPAGE
ELENCO DEI SERVIZI
INTERVENTI EDILIZI
BLOG

numero geometra camilletti giosef

APPROFITTA DELLE DETRAZIONI FISCALI DEL 50% E 65%

detrazione fiscale del 50% e 65%

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

LINK UTILI:

CITTÀ DOVE LAVORIAMO:

Provincia di Ancona nei seguenti Comuni: Agugliano, Ancona, Camerano, Camerata Picena, Castelfidardo, Chiaravalle, Falconara Marittima, Filottrano, Jesi, Loreto, Montemarciano, Numana, Offagna, Osimo, Polverigi, Santa Maria Nuova, Senigallia, Sirolo.

Provincia di Macerata nei seguenti Comuni: Cingoli, Civitanova Marche, Corridonia, Macerata, Montecassiano, Montecosaro, Montefano, Montelupone, Monte S.Giusto, Morrovalle, Porto Recanati, Potenza Picena, Recanati.

Provincia di Fermo nei seguenti Comuni: Fermo,  Monte Urano, Montegranaro, Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.